13 dicembre 2021 massimoperciavalle

Come ottimizzare il proprio profilo professionale di Linkedin

LinkedIn è oggi il social network più diffuso in ambito business, con 645 milioni di utenti in più di 200 paesi. Nasce nel 2004 e arriva in Italia nel 2011, dove oggi è utilizzato da ben 13 milioni di utenti di cui 5 milioni di aziende.

Più che una bacheca di curriculum, rappresenta uno strumento essenziale per creare e mantenere contatti lavorativi in modo proattivo e dinamico e sviluppare il proprio networking per avere maggiori informazioni sulla propria area professionale.

Utilizzare in maniera ottimale LinkedIn significa sviluppare contenuti e descrivere il proprio profilo in modo che appaia una storia professionale autentica, autorevole e coerente con gli obiettivi che ci siamo prefissati.

Vediamo insieme come creare un buon profilo personale.

  • Inizia ponendoti delle domande specifiche per definire la tua strategia: chi sei? Quali sono le tue competenze? Chi è il tuo target a cui comunicare? Quali sono i tuoi obiettivi?

Le risposte a queste domande determineranno i tuoi contenuti e la descrizione della tua offerta professionale, che può essere anche l’evidenza delle tue competenze sia tecniche che personali.

È importante ottenere un’elevata efficacia del proprio profilo, determinata soprattutto dalla completezza delle informazioni inserite. Secondo le statistiche, i profili completi al 100% vengono visualizzati 40 volte di più rispetto agli altri.

Gli elementi in primo piano del profilo sono innanzitutto la foto cover, la foto profilo e il job title.

  • È essenziale inserire una foto profilo in «contesto business» per rafforzare la propria credibilità, mentre l’immagine di sfondo deve essere coerente con il proprio settore di riferimento. LinkedIn è un social network professionale, di conseguenza l’immagine che devi dare di te stesso deve rispecchiare la tua identità lavorativa. È dunque importante inserire un’immagine di buona qualità (400*400), con lo sguardo in camera, che comunichi empatia, evitando i selfie, gli occhiali da sole e scegliendo un abbigliamento adatto al contesto lavorativo.
  • Il job title è costituito dalle keyword di settore che rappresentano il lavoro che svolgi o per cui ti candidi, oppure se sei studente inserisci il corso di studi e l’università che stai frequentando, per un massimo di 120 caratteri, di cui però solo 50 visibili nella preview.
  • Nelle informazioni crea una tua breve descrizione accattivante e attrattiva, confezionando l’offerta professionale e perché potresti essere utile (puoi elencare i servizi e le soluzioni che offri o una sintesi delle tue competenze soft e tecniche apprese. Nel sommario è importante inserire sempre le parole chiave in linea con la tua posizione, che ti daranno più opportunità di apparire in primo piano, in cima alla ricerca dei recruiter, dei clienti o in generale dei vari possibili contatti.
  • Completa il tuo profilo inserendo le varie esperienze formative: diploma, laurea, master, eventuali corsi (solo se coerenti all’obiettivo professionale), certificazioni (se funzionali all’obiettivo e non troppo datate), riconoscimenti e premi.
  • Se ne hai inserisci anche le esperienze lavorative che appariranno in ordine cronologico sul tuo profilo. Se sei uno studente con poca esperienza, puoi inserire delle attività svolte durante il percorso di studi, per mostrare che svolgi anche altre attività che possano raccontare di te, come per esempio la partecipazione ad associazioni studentesche, progetti online, collaborazioni, in cui inserire anche il link o del materiale multimediale.
  • Nella sezione competenze e conferme si possono inserire fino a un massimo di 50 competenze, che potranno essere confermate da parte dei contatti del tuo network. Questa azione aumenta di circa 13 volte la visualizzazione del tuo profilo a fronte di una possibile ricerca, ma evidenzia quelle essenziali che ti caratterizzano.

Se si ottengono 99+ conferme ad una competenza si moltiplica ulteriormente il livello di visibilità del proprio profilo.

  • E’ possibile richiedere segnalazioni dai tuoi collegamenti; queste dovranno comunque essere da te approvate per poter apparire all’interno del profilo. È sufficiente richiedere un paio di segnalazioni pertinenti.

Uno dei principali vantaggi di LinkedIn è la possibilità di fare una ricerca proattiva attraverso il networking, una particolare forma di conversazione finalizzata allo scambio di informazioni. La maggior parte di noi fa del Networking regolarmente, anche se molto spesso non ne è consapevole.

«Fare Network» significa gestire o avviare un contatto con un obiettivo specifico, sviluppando un dialogo da cui si generano altri contatti e si coltivano relazioni, giungendo così talvolta alla conoscenza diretta o indiretta del potenziale datore di lavoro (o cliente). Grazie ai gruppi tematici presenti su linkedin a cui puoi iscriverti o ai messaggi che puoi scambiare direttamente con i tuoi contatti puoi avere utili informazioni per raggiungere il tuo obiettivo professionale.

Mantenere la tua rete sempre attiva è frutto di una strategia complessa, inzia una fase di osservazione e poi pian piano scegli i contenuti tematici da condividere che interessano il target che vuoi colpire.

Quando sari pronto inizierai a condividere anche i tuoi contenuti e le tue opinioni su argomenti del tuo settore.

Se vuoi una consulenza di carriera su come utilizzare Linkedin e aumentare il tuo networking richiedimi una consulenza di carriera, scrivendomi a m.perciavalle@makeitso.it.

 

 

 

 

 

 

 

Tagged: , , , , ,